Fashion

Il matrimonio di Cristina Chiabotto da principessa moderna

Dopo ogni fine c’è un nuovo inizio. Ed è stato proprio così per Cristina Chiabotto che si è lasciata alle spalle la lunghissima storia con Fabio Fulco e lontano dai riflettori ha sposato un manager, Marco Roscio.

Il matrimonio di Cristina Chiabotto ha rappresentato il tripudio dell’amore e secondo me anche la sua rinascita personale. La nostra Cristina nazionale, infatti, ha superato un momento non facile fatto di ricerca, scoperta e costruzione che l’ha portata a reagire di fronte ad una relazione che seppur importante non andava più. Il colpo di fulmine e la consapevolezza di star andando nella direzione giusta le hanno fatto dire di Sì all’uomo di cui si è innamorata.

Dove si è sposata Cristina Chiabotto

Proprio come una principessa moderna, si è sposata nell’incantevole complesso della Reggia di Venaria Reale. La cerimonia religiosa si è svolta nella chiesa di Sant’Uberto, chiesa settecentesca in stile barocco che fa parte del complesso della Reggia. Le decorazioni, poche e dai colori neutri, a mio avviso, hanno contribuito ad esaltare la bellezza della cappella.

matrimonio-di-cristina-chiabotto-chiesa

matrimonio-di-cristina-chiabotto-chiesa

matrimonio-di-cristina-chiabotto-chiesa

L’abito, o meglio gli abiti di Cristina

È stata Alberta Ferretti a firmare gli abiti da sposa di Cristina Chiabotto che – per dirla con le sue parole – l’hanno resa una principessa moderna di classe ed eleganza. E concordo, perché quest’abito è davvero romantico: il corpetto è in pizzo leggerissimo con maniche lunghe ad effetto tattoo e la gonna dalla linea ad A è fluttuante in seta con ricami di pizzo.

matrimonio-di-cristina-chiabotto-abito-bianco

Il secondo abito invece, che qui vediamo indossato da una modella direttamente sulla pagina di Alberta Ferretti, è colorato in rosa chiarissimo. La lucentezza del rosa è data dal tessuto di raso che fa delle ruches sul bustino ed è intervallato da tulle plisse bianco. Ciò che rende ancora una volta Cristina Chiabotto una principessa moderna è proprio la scelta di un abito lungo e dai toni del rosa a differenza delle altre celebrities come Chiara Ferragni e Paola Turani che invece avevano optato per un vestitino corto e sbarazzino. La chicca di quest’abito è la cintura gioiello in vita.

secondo-abito-cristina-chiabotto-matrimonio

La location e i fiori

I festeggiamenti sono proseguiti all’interno della reggia, nel salone Diana dove il progetto della wedding planner Eva Presutti ha preso forma. Devo dire che le scenografie imponenti sono state smorzate comunque dalla semplicità e dalla raffinatezza dei fiori bianchi. Il bouquet e le composizioni infatti, erano fatti di ortensie e rose bianche, dove ad intervallare il verde c’erano tantissime e piccole margherite bianche (che io adoro!).

matrimonio-di-cristina-chiabotto-ricevimento

Come descrive la wedding planner: “Per la cena sono stati allestiti quattro tavoli da 25 metri ciascuno, collegati fra loro da archi dorati a simboleggiare l’unione fra tutti gli invitati: un’enorme famiglia, una cosa sola”. 

Ho apprezzato molto la novità di abbinare a ciascun tavolo un profumo. Cioè, gli invitati venivano accolti dalle hostess che nebulizzavano sulle striscioline di carta la fragranza prescelta per il loro tavolo.

Tanti e piccoli dettagli, calibrati in maniera minuziosa, secondo me hanno reso il matrimonio di Cristina Chiabotto romantico e moderno!

Appassionata di cose belle: persone, luoghi, sensazioni. Guardo, ascolto e poi scrivo.

Appassionata di cose belle: persone, luoghi, sensazioni. Guardo, ascolto e poi scrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *